Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione

Via R. Misasi, 96 - 87100 - Cosenza (CS)
Telefono: (+39) 0984 28165
Mail: peruginilab@gmail.com

itenfrdeptrues

    
 

Recapiti

Laboratorio Analisi Cliniche Perugini S.r.l.

Via R. Misasi, 96 - 87100 - Cosenza (CS)

Telefono e Fax: (+39) 0984 28165
                          (+39) 0984 28941

Mail: info@peruginilab.it

Parcheggio gratuito

ll laboratorio offre gratuitamente ai propri Clienti la sosta dell'auto in due parcheggi:

AUTORIMESSA BONOFIGLIO - Via R. Misasi, 79

QUICK PARKING - Piazza Bilotti

entrambi a pochi passi da laboratorio

Orari

Orario Apertura Laboratorio
Lunedì - Venerdì: 07.30/13.00 - 16.00/18.00
Sabato: 07.30/13.00

Orario Servizio Prelievi
Lunedì - Venerdì: 07.30/12.30
Sabato: 07.30/12.00

Orario Ritiro Referti
Lunedì - Venerdì: 10.00/13.00 - 16.00/18.00
Sabato: 10.00/13.00

Laboratorio Analisi Cliniche Perugini

Sono eseguiti sul sangue, sulle urine e su altri materiali biologici esami di laboratorio a scopo diagnostico e preventivo. Gli esami eseguiti, sono: esami ematologici, analisi chimico cliniche, esami coagulometrici, ricerche allergiche, dosaggi ormonali esami di microbiologia, tossicologia e immunologia

Domande e risposte sul papillomavirus umano (HPV)

Martedì, 25 Settembre 2018 15:56
Rate this item
(0 votes)

INFORMAZIONI SUL VIRUS HPV

1. CHE COS’È IL VIRUS HPV?
L’HPV (papillomavirus umano) è un virus che provoca un’infezione molto frequente, che la maggior parte delle persone prende almeno una volta nella vita.

2. Che cosa fa questa infezione?
In genere non causa alcuna alterazione e si risolve da sola. In una minoranza di casi provoca delle lesioni a livello del collo dell’utero. La maggior parte delle lesioni guarisce spontaneamente ma alcune, se non curate, progrediscono lentamente verso forme tumorali. Ci vogliono però molti anni perché le lesioni si trasformino, e solo pochissime delle donne con infezione da papillomavirus sviluppano un tumore del collo dell’utero.

3. Quanto tempo dura l’infezione?
La grande maggioranza delle infezioni scompare spontaneamente, circa il 50% nel corso di un anno e circa l’80% in due anni.Quando l’infezione scompare anche il rischio scompare.

4. Come si prende?
Si prende per via sessuale, anche se non necessariamente in seguito ad un rapporto sessuale completo. In alcuni casi l’infezione può essere trasmessa da una persona all’altra molti anni dopo che una delle due persone l’ha presa. Il fatto di avere l’infezione può quindi non avere nulla a che fare con l’attuale compagno.

5. Come si cura?
Non ci sono ancora medicine per curare questa infezione. In particolare, si è visto che non servono gli antibiotici, gli ovuli o le lavande vaginali. La cosa più importante però è identificare in tempo le alterazioni provocate dal virus, che sono quelle che cerchiamo con il Pap test, in caso di test HPV positivo. Quindi partecipare allo screening è la cosa più efficace che una donna possa fare per proteggersi.

6. Si può prevenire?
E’ molto difficile prevenirla: infatti è un’infezione molto comune, soprattutto fra le persone giovani, e il preservativo non garantisce una prevenzione del 100%. Da alcuni anni c’è un vaccino contro alcuni tipi di virus responsabili di circa il 70% dei tumori del collo dell’utero.

7. Che cos’è il test HPV e come si fa?
Il test HPV è un esame di laboratorio per la ricerca del virus, e viene eseguito su materiale prelevato in modo molto simile al Pap test.

8. Perché si fa il test HPV?
Il test HPV si può fare per diversi motivi:

  • come test di screening al posto del Pap test a partire dai 30-35 anni d’età. In questo caso se il test HPV è positivo il Pap test diventa un esame di completamento, che viene chiamato test di triage, perché seleziona le donne che hanno modificazioni cellulari e che devono fare la colposcopia;
  • come test di triage per selezionare, tra le donne che hanno alcune alterazioni cellulari nel Pap test (chiamate ASC-US o LSIL), quelle che devono fare una colposcopia. In questo caso il test HPV è un esame di completamento;
  • per seguire nel tempo le donne che hanno un test HPV o un Pap test positivi e una colposcopia negativa o che ha evidenziato lesioni lievi;
  • per seguire nel tempo le donne che hanno avuto un trattamento per lesioni pretumorali del collo dell’utero.

9. Che cosa è la colposcopia?
La colposcopia è un controllo simile alla visita ginecologica: il ginecologo usa uno strumento chiamato colposcopio, che serve a illuminare il collo dell’utero e a vederlo ingrandito. Se il ginecologo vede delle alterazioni, fa una biopsia, cioè un piccolo prelievo di tessuto dal collo dell’utero. In genere la colposcopia non è dolorosa. Se le facessero una biopsia, potrebbe sentire un modesto fastidio, come una puntura o un lieve dolore. Talvolta dopo la colposcopia si può avere una piccola perdita di sangue che generalmente cessa da sola in poco tempo.

10. Che cosa succederà dopo aver fatto la colposcopia?
Se il suo collo dell’utero risulterà normale o presenterà solo lesioni lievi non avrà bisogno di cure particolari e il ginecologo le indicherà quali controlli fare successivamente. Se invece il ginecologo troverà delle lesioni che necessitano di un trattamento, lei potrà curarle presso un centro specializzato.

CHE COSA E’ E CHE COSA FA IL VIRUS HPV

1.1 Che cosa è il virus HPV?
L’HPV (papillomavirus umano) è un virus che provoca un’infezione molto frequente, che la maggior parte delle persone prende almeno una volta nella vita.

1.2 Che cosa fa questa infezione?
Nella maggior parte dei casi si risolve da sola. In alcuni casi l’infezione provoca delle lievi modificazioni alle cellule del collo dell’utero. Queste modificazioni si trovano con il Pap test, e vengono generalmente descritte utilizzando delle sigle (per esempio ASC-US o LSIL) che fanno parte di una classificazione internazionale.

1.3 Quanto tempo durano le modificazioni cellulari?
Le modificazioni cellulari in genere si risolvono da sole nel giro di qualche mese. E’ importante però controllarle nel tempo perché in pochi casi possono diventare lesioni del collo dell’utero, chiamate CIN.

1.4 Che cosa succede se le lesioni provocate dall’HPV non vengono trattate?
La maggior parte delle lesioni guarisce spontaneamente, ma alcune, se non curate, possono progredire e diventare tumori. Questo però è un evento molto raro e richiede generalmente molti anni. Ancora gli studi non ci permettono di capire quali lesioni guariranno e quali no. Forse però presto potremo capirlo, perché ci sono molti studi in corso. Per ora è importante tenere sotto controllo tutte le lesioni e trattare solo quelle al di sopra di una certa gravità. Infatti le complicanze, dopo i piccoli interventi utilizzati per trattare queste lesioni, sono rare ma esistono. Quindi è giusto riservare i trattamenti a quelle lesioni che rischiano di progredire, cioè, in genere, a quelle che vengono chiamate CIN2 e CIN3. Nella maggior parte dei casi le lesioni più lievi, che sono chiamate CIN1, vengono controllate nel tempo con il test HPV o con la colposcopia.

1.5 L’HPV causa il tumore del collo dell’utero?
Sì, ma solo pochissime delle donne con infezione da HPV sviluppano un tumore del collo dell’utero. Inoltre ci vogliono molti anni perché le lesioni provocate dal virus si trasformino in tumore.

1.6 Le modificazioni cellulari sono sempre provocate dal virus HPV o possono essere dovute ad altri motivi?
Oltre che al virus HPV alcune modificazioni cellulari possono essere dovute a un processo infiammatorio o a un particolare stato ormonale, per esempio la menopausa.

1.7 Le lesioni sono sempre provocate dal virus HPV o possono essere dovute ad altri motivi?
Generalmente le lesioni sono provocate dal virus HPV. Però non sappiamo ancora, perché solo pochissime delle donne che hanno il virus sviluppano una lesione. Sicuramente il sistema immunitario, il fumo e altri fattori, hanno un ruolo importante.

1.8 L’infezione da virus HPV è più frequente adesso o c’è sempre stata?
L’infezione c’era anche prima, ma solo da pochi anni è stato scoperto che il virus HPV può causare il tumore del collo dell’utero e sono stati sviluppati test utili per la sua diagnosi.

1.9 Il virus HPV che causa il tumore del collo dell’utero è lo stesso che fa venire i condilomi genitali?
Sono virus della stessa famiglia, ma i virus HPV che causano le verruche e i condilomi non provocano il tumore del collo dell’utero. Per questo motivo i virus HPV che causano il tumore del collo dell’utero sono chiamati virus ad alto rischio oncogeno, e quelli che causano i condilomi genitali sono chiamati virus a basso rischio oncogeno. Il test HPV che si fa nello screening serve a identificare solo i virus HPV ad alto rischio oncogeno.

IL TEST HPV E IL PAP TEST

2.1 Come si fa il test per il papillomavirus (HPV)?
Il test HPV è un esame di laboratorio per la ricerca del virus, e viene eseguito su materiale prelevato in modo molto simile al Pap test. Il test HPV che si fa nello screening per la prevenzione del tumore del collo dell’utero serve a identificare solo i virus HPV ad alto rischio oncogeno.

2.2 Perché si fa il test HPV?
Il test HPV si può fare per diversi motivi:

  • il test HPV si può fare come test di screening, al posto del Pap test. In questo caso, se il test HPV è positivo il Pap test diventa un esame di completamento che viene chiamato test di triage;
  • per selezionare, tra le donne che hanno alcune modificazioni cellulari nel Pap test (ASC-US o LSIL), quelle che devono fare una colposcopia. In questo caso il test HPV è un esame di completamento;
  • per seguire nel tempo le donne che, in seguito ad un test HPV positivo o ad un Pap test anormale, hanno fatto una colposcopia negativa o che ha evidenziato lesioni lievi;
  • per seguire nel tempo le donne che hanno avuto un trattamento per lesioni pretumorali del collo dell’utero.

2.3 Tutto quello che abbiamo cercato con il Pap test non c’entra niente con questo nuovo virus?
No, c’entra moltissimo, perché con il Pap test possiamo vedere al microscopio proprio le modificazioni cellulari provocate dal virus HPV. Il Pap test rimane un esame molto utile, che è servito a diminuire moltissimo la frequenza e la mortalità per il tumore del collo dell’utero, e che è ancora usato come test di screening nelle donne più giovani o nei programmi che ancora non utilizzano il test HPV come test di screening.

2.4 Perché si può fare lo screening con il test HPV al posto del Pap test?
Lo screening con il test HPV al posto del Pap est si può fare perché molti studi hanno dimostrato che il test HPV è più efficace del Pap test nel trovare le lesioni del collo dell’utero ed è quindi più protettivo. Inoltre, il test HPV trova queste lesioni più precocemente, e quindi è sufficiente ripeterlo ogni cinque anni invece che ogni tre anni come il Pap test. La ricerca scientifica ha infatti dimostrato che questo intervallo è quello più efficace e che il rischio di avere una lesione dopo un esito negativo in questo intervallo è bassissimo. La ripetizione del test HPV dopo un periodo di tempo inferiore può comportare trattamenti inutili.

2.5 Perché lo screening con test HPV è raccomandato dopo i 30-35 anni?
Lo screening con HPV è raccomandato dai 30-35 anni perché nelle donne più giovani le infezioni da HPV sono molto frequenti, ma nella gran parte dei casi regrediscono spontaneamente. Lo screening con HPV nelle donne sotto i 30-35 anni porta a trovare, e quindi a trattare, delle lesioni che sarebbero regredite spontaneamente. Sotto i 30-35 anni al momento è raccomandato lo screening con il Pap test.

 

COME SI TRASMETTE L’INFEZIONE?

3.1 Come si prende l’infezione?
L’infezione si prende per via sessuale, anche se non necessariamente in seguito a un rapporto sessuale completo. Infatti, l’infezione da HPV è molto frequente e viene facilmente trasmessa tra uomini e donne e fra partner dello stesso sesso, anche in assenza di penetrazione. Non si possono escludere vie indirette di infezione, dato che il virus è stato trovato anche nella bocca e sotto le unghie.

3.2 All’infezione sono esposte solo le donne?
No, la possono avere sia gli uomini sia le donne. Però il virus HPV più raramente provoca lesioni nell’uomo.

3.3 Come prende l’infezione un uomo?
Generalmente per via sessuale, come la donna.

3.4 Ma io quando ho preso il virus HPV?
Non si può conoscere il momento esatto del contagio, che può risalire a molti anni prima. Si può infatti rimanere portatori del virus HPV per molti anni senza avere sintomi: una persona, cioè, non si accorge di avere l’infezione. Il fatto di avere l’infezione può quindi non avere nulla a che fare con l’attuale compagno. Infatti, l’infezione può essere trasmessa da una persona all’altra molti anni dopo che una delle due persone l’ha presa. La maggior parte delle infezioni scompare spontaneamente, circa il 50% nel corso di un anno e circa l’80% in due anni. Una persona rimane portatrice finché l’infezione non va via.

3.5 Esistono portatori sani che trasmettono l’infezione ma non manifestano mai la malattia?
Questo è proprio il caso più frequente. In genere infatti sia l’uomo sia la donna non hanno manifestazioni evidenti dell’infezione, ma sono in grado di trasmetterla.

3.6 Se ho avuto un solo compagno da chi ho preso l’infezione?
Molto probabilmente lei ha preso l’infezione dal suo compagno. Ma lui può avere contratto il virus molti anni prima di conoscerla. In qualche caso infatti sia gli uomini sia le donne possono rimanere portatori del virus per molti anni.

3.7 E’ necessario che cambi le mie abitudini sessuali?
Il fatto di avere un’infezione da HPV non deve portare a un cambiamento delle abitudini sessuali. L’infezione è infatti molto comune, la trasmissione al proprio compagno o compagna può sfuggire a qualsiasi misura che potremmo mettere in atto e, infine, non provoca alcuna conseguenza nella maggioranza dei casi.

3.8 E’ necessario che modifichi il mio stile di vita?
Se fuma deve sapere che il fumo di tabacco è un importante fattore di rischio per le lesioni pretumorali e per il tumore del collo dell’utero, quindi è utile smettere di fumare.

3.9 Le donne che hanno rapporti sessuali con altre donne e le donne bisessuali possono prendere l’infezione da HPV?
Sì, alcuni studi fatti con donne che avevano rapporti sessuali con altre donne e con donne bisessuali hanno trovato che tra il 3% e il 30% di loro aveva un test HPV positivo. Quindi l’infezione da HPV si può prendere anche attraverso rapporti sessuali tra donne, anche se il rischio di prenderla attraverso rapporti sessuali con uomini è probabilmente maggiore.

 

Fonte: Linee Guida GISCi (Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma).

 

 

 

Share/Save/Bookmark

I nostri Pacchetti Check Up


Consulta i nostri pacchetti...
Per saperne di più telefona ai numeri:
(+39) 0984 28165 / (+39) 0984 28941

Convenzione iscritti CISL


Per saperne di più clicca qui...

Convenzione Piscina
Comunale di Cosenza


Per saperne di più clicca qui...

Richiedi Visita Specialistica


Vuoi contattarci? Compila questo form...

Se ci tieni alla tua salute
clicca qui...


Analisi di laboratorio, il lancio della campagna In Vitro Veritas

Convezione UniSalute

Convenzione Azieda Amica

Convezione Cassa Praesidium Famiglie

Convezione Assirete Srl

Convenzione Cassa Autonoma Medici e Odontoiatri

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Contatore sito

 

 Powered by 

 



 

© - Tutti i diritti riservati

Scarica la nostra App

 



Telefono e Fax: (+39) 0984 28165 / (+39) 0984 28941
Mail: info@peruginilab.it
Vuoi contattarci? Clicca qui...

Ritiro Referti online

DOVE CI TROVI

Indirizzo
Via R. Misasi, 96
87100 - Cosenza (CS) Italia
Telefono e Fax
(+39) 0984 28165
(+39) 0984 28941 
Mail

info@peruginilab.it

Total Quality Management

Parcheggi offerti ai Clienti:
Autorimessa Bonofiglio
Via Riccardo Misasi, 79
Quick Parking
Piazza Carlo Bilotti

Certificazione UNI EN ISO