Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione

Via R. Misasi, 96 - 87100 - Cosenza (CS)
Telefono: (+39) 0984 28165
Mail: peruginilab@gmail.com

itenfrdeptrues

    
 

Laboratorio Analisi Cliniche Perugini

Sono eseguiti sul sangue, sulle urine e su altri materiali biologici esami di laboratorio a scopo diagnostico e preventivo. Gli esami eseguiti, sono: esami ematologici, analisi chimico cliniche, esami coagulometrici, ricerche allergiche, dosaggi ormonali esami di microbiologia, tossicologia e immunologia

I trattamenti di bellezza da fare dopo le vacanze. Biorivitalizzazione del viso

Rate this item
(0 votes)

Il rientro non è mai facile e, che si venga dalla vacanza al mare estiva o dalla settimana bianca d’inverno, ciò che più preoccupa una volta tornati nella propria città è il recupero delle vecchie abitutini. Ecco dunque una piccola guida per mantenere su viso, pelle e, in generale, corpo il relax guadagnato con le vacanze ma anche per mitigare i danni degli agenti atmosferici.

Cancellare macchie solari ed arrossamento: al rientro dalle vacanze è molto frequente vedere sulla cute macchie o arrossamenti indesiderati, provocati dall’esposizione continua (e spesso senza precauzioni) della pelle al sole. Per ovviare a questo problema, è possibile utilizzare sieri o creme volte allo schiarimento ed all’alleviamento dei rossori, puntando sull’idratazione della pelle e sul rilassamento di essa. Per gli amanti dei prodotti bio, anche l’argilla bianca, applicata sul viso o sulle parti arrossate, riuscirà ad attenuare l’irritazione. Nel caso in cui le macchie solari o gli altri disturbi dermatologici persistano, si consiglia un colloquio con uno specialista che saprà suggerire la migliore soluzione.

Acne e sfoghi cutanei: quando fa molto caldo, o quando si suda in maniera copiosa, il corpo reagisce con sfoghi di acne o bollicine che possono dare fastidio (oltre ad essere anti-estetiche). Per questo motivo si può provvedere ad esfoliare la pelle con uno scrub naturale e con l’aiuto di una spazzolina che ne accentui l’effetto, massaggiando in maniera circolare ed uniformemente sul collo o sul viso, rimuovendo lo strato superiore della pelle e le cellule morte. L’effetto immediato sarà una maggiore morbidezza. Il trattamento dovrà essere ripetuto almeno due volte a settimana per due settimane.

Controllo dei nei: è importante controllare i nei che, con la luce del sole, possono diventare piccoli nemici della pelle e di tutto il sistema immunitario. Per questo motivo si consiglia una visita completa dal proprio dermatologo di fiducia una volta l’anno, che saprà monitorare i nei e donare serenità.
Trattamenti a mani e piedi: durante le vacanze si tende a trascurare la bellezza di mani e piedi. Per questo motivo, due tra i trattamenti di bellezza da fare dopo le vacanze consigliati sono manicure e pedicure, in grado di rimettere in ordine unghie e non solo. Si può tranquillamente provvedere con un trattamento fai-da-te, oppure recarsi presso il centro di bellezza abituale e lasciarsi coccolare per un po’ di tempo.

Biorivitalizzazione del viso

Pelle spenta o segnata dal tempo? Oggi si parla sempre di più di biorivitalizzazione del viso. Molte donne rinunciano ad un aspetto più giovane, spaventate dalla medicina estetica invasiva. La biorivitalizzazione, chiamata anche biostimolazione, è uno dei trattamenti al viso più soft che consiste nell’iniezione di sostanze nel derma che migliorano la texture di viso, collo e décolleté.

Che cos’è?

La biorivitalizzazione del viso è una procedura medico-estetica ambulatoriale che riattiva i normali processi di rigenerazione cellulare grazie alla biointegrazione e la biostimolazione. Per mezzo di aghi sottilissimi o di una cannula, vengono iniettate a livello superficiale ed in zone localizzate sostanze specifiche, ovviamente biocompatibili e riassorbibili.

Risultati della biorivitalizzazione

Questa procedura agisce come una crema ma in profondità e combatte gli inestetismi della pelle, migliorandone la tonicità, il turgore, la compattezza, la luminosità e l’idratazione, riparando e prevenendo le conseguenze dell’ossidazione di un tessuto cutaneo poco elastico per via di fattori ambientali come la sovraesposizione al sole e l’invecchiamento.

In che cosa consiste

Diversamente da un filler, la biorivitalizzazione cutanea non riempie le rughe. Le sostanze impiegate per le iniezioni variano, a seconda dello scopo bioristrutturante: dalle vitamine, agli stimolatori di collagene, dai PDRN all’acido ialuronico. I principi attivi e l’azione booster dell’ago favoriscono l’autoriparazione mediante la produzione di nuove fibre di collagene ed elastina. La procedura può essere associata ad altri trattamenti chirurgici e non come il peeling, il lifting, la blefaroplastica, le infiltrazioni di botulino e il laser.

Come funziona un trattamento

Si effettuano dalle venti alle cinquanta iniezioni superficiali a distanza di circa cinque millimetri una dall’altra. Una seduta dura all’incirca quindici minuti e per apprezzare i risultati sono necessari dei trattamenti ciclici, da tre volte in un mese a uno alla settimana per due mesi. Perché l’effetto abbia durata nel tempo e non svanisca sono previste anche delle sedute di mantenimento.

Fa male?

No, la biorivitalizzazione non causa dolori o conseguenze nella maggior parte dei casi. Ad ogni modo nei punti più sensibili si può applicare una crema anestetica prima di procedere alla rivitalizzazione del viso. Dopo il trattamento è possibile che compaiano degli arrossamenti o piccoli lividi che normalmente si riassorbono nel giro di un paio di giorni ed è meglio non prendere il sole sulle zone iniettate. Per chi avesse paura degli aghi può ricorrere al peeling PRX-T33, a base di acido tricloracetico al 33 per cento associato a perossido di idrogeno.

Controindicazioni della biorivitalizzazione

Non esistono controindicazioni specifiche per chi volesse sottoporsi alla biorivitalizzazione. Tuttavia è sconsigliato a chi soffre di allergie nei confronti delle sostanze iniettate, nel caso di dermatiti acute, infezioni ed herpes, per il quale viene prescritta una profilassi antivirale. È importante riferire al medico circa l’assunzione di eventuali farmaci anticoagulanti.

 

 

 

 



 

© - Tutti i diritti riservati
Partita IVA: 01781350788
Numero R.E.A. CS- 236564

Scarica la nostra App

 



Telefono e Fax: (+39) 0984 28165 / (+39) 0984 28941
Mail: info@peruginilab.it
Vuoi contattarci? Clicca qui...

Ritiro Referti online

DOVE CI TROVI

Indirizzo
Via R. Misasi, 96
87100 - Cosenza (CS) Italia
Telefono e Fax
(+39) 0984 28165
(+39) 0984 28941 
Mail

info@peruginilab.it

Total Quality Management

Parcheggi offerti ai Clienti:
Autorimessa Bonofiglio
Via Riccardo Misasi, 79
Quick Parking
Piazza Carlo Bilotti

Certificazione UNI EN ISO